Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti: cliccando OK, proseguendo nella navigazione o interagendo con la pagina acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa

Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Czech Danish Dutch English French German Greek Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Turkish Ukrainian

Caseificio Passalacqua

Guida alla sicurezza degli alimenti

Per fare in modo che gli alimenti conservino le caratteristiche nutrizionali occorre garantire tutta la catena alimentare e questo è il compito di noi consumatori. A tele fine dobbiamo adottare precauzioni in fase di acquisto, trasporto, conservazione, preparazione e consumo del cibo.

Seguire queste poche ma importanti norme garantisce maggiore sicurezza a ciò che mangiamo

 

Cosa sono le “buone pratiche igieniche”

La nostra salute dipende anche dalla conservazione e dalla preparazione degli alimenti. Le “buone pratiche igieniche” sono semplici regole da seguire ogni giorno a casa che possono proteggere dalla contaminazione microbica e dalle malattie a trasmissione alimentare che questa può provocare.

 

Attenzione anche agli alimenti cotti

Il calore è un ottimo mezzo per ridurre il pericolo di germi patogeni veicolati da alimenti. Fare particolare attenzione affinché il cuore dell’alimento sia ben cotto e verificare che la carne all’interno di un hamburger abbia perso il colore rosa. Non consumare latte crudo senza averlo prima portato ad ebollizione. In generale, fare in modo di consumare gli alimenti immediatamente dopo la cottura. Se ciò non fosse possibile, è consigliabile conservarli in frigorifero per un periodo limitato oppure, se saranno consumati dopo un lungo tempo, è preferibile surgelarli. Non mettere in frigorifero cibi ancora caldi ma farli rapidamente raffreddare prima di riporli. Attenzione: i cibi precedentemente cotti, prima del consumo vanno riscaldati rapidamente e ad alta temperatura.

 

Importante: pulizia e igiene in cucina

Lavare con cura le verdure

Lavare bene e asciugare le mani prima di manipolare qualsiasi alimento, usare guanti di gomma se la pelle delle mani presenta delle lesioni.

Lavare bene e asciugare tutti gli utensili (posate, tagliere..) e le superfici usate per la preparazione di cibi crudi (carne cruda, formaggi, verdure..) prima di riutilizzarli per altre tipologie di alimento.

Lavare periodicamente il frigorifero con acqua ed un detergente idoneo oppure con acqua, aceto e bicarbonato.

Lavare e cambiare spesso i tovaglioli di stoffa e i strofinacci.

 

Uso del frigorifero

Il freddo è un grande alleato per conservare gli alimenti. Abbiate cura di non lasciare gli alimenti freschi esposti a temperatura ambiente ma refrigerali subito. Riporre immediatamente in frigorifero e/o freezer i prodotti refrigerati, congelati e surgelati appena acquistati. È fondamentale curare l’igiene del frigorifero:

­Non riempirlo troppo per non alterarne la ventilazione e il processo di raffreddamento.

Non riporre alimenti a contatto con la parete posteriore poiché è normalmente bagnata o ricoperta di brina.

Non lavare frutta e verdura prima dimetterla in frigo: l’aumento di umidità favorisce la crescita di muffe e batteri

 

Separare e proteggere

Conservare gli alimenti ben chiusi e separati in frigorifero:

Non conservare nello stesso recipiente alimenti cotti e crudi (no a verdure cotte insieme a verdure crude)

Non posizionare alimenti crudi e cotti sullo stesso ripiano

Separare gli alimenti crudi dagli alimenti pronti al consumo quali salumi, formaggi, ecc.

 

Mettere ogni alimento al suo posto

Sebbene i moderni frigoriferi garantiscano una temperatura uniforme al proprio interno, è bene sapere che l’aria fredda essendo più pesante tende a scendere e quindi, la zona di frigo a minore temperatura è quella in basso subito sopra ai cassetti. Fare attenzione alla conservazione corretta degli alimenti negli scomparti più appropriati.

Carne e pesce – vanno separati da altri alimenti con involucri - devono essere posti nello scomparto più freddo e bisogna assicurarsi che i liquidi persi non contaminino altri alimenti.

Latticini, uova e tutti gli alimenti sulla cui confezione c’è scritto “refrigerare dopo l’apertura” devono essere posti ad una temperatura intermedia.

Formaggi vanno conservati in contenitori chiusi o nelle loro confezioni originali.

Frutta e verdura possono essere collocati nelle aree meno fredde, nell’apposito scomparto e, comunque, vanno consumate al più presto.

 

 
Le Rubriche di Radiopal

Seguici su Facebook

 

Seguici su Twitter

Scarica l'app

Entellano

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Privacy e Termini di Utilizzo

 

RADIOPAL