Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti: cliccando OK, proseguendo nella navigazione o interagendo con la pagina acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa

Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Czech Danish Dutch English French German Greek Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Turkish Ukrainian

Caseificio Passalacqua

Per l’Unione Europea dal 31 marzo 2018 l’obbligo di dispositivi di chiamata di emergenza su tutte le auto

Secondo le nuove norme approvate dal Parlamento europeo su tutti i nuovi modelli di auto e furgoni leggeri dovrà essere istallato,  dal 31 marzo 2018, il sistema eCall, un nuovo dispositivo  tecnologico  che effettua automaticamente una chiamata d'emergenza al numero 112 in caso di incidenti stradali gravi.

Questo nuovo congegno è in grado di effettuare una chiamata d'emergenza in modo da  allertare automaticamente i servizi di soccorso in caso d’incidente stradale.

Alla nostra privacy hanno pensato i deputati del Parlamento Europeo, durante la stesura del progetto legislativo si sono preoccupati di rinforzare le misure previste. Il regolamento entrerà in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

I promotori del progetto e le figure politiche stimano di poter vedere ridotto del 10% l'anno il numero di vittime di incidenti stradali che nel 2014 è stato di 25.700 vite.

Il servizio del dispositivo e-Call, basato sul 112 a bordo dei veicoli, sarà ovviamente obbligatorio in tutti i 28 Stati membri dell’EU e sarà un servizio pubblico gratuito per tutti i cittadini, a prescindere dal tipo di veicolo o il suo prezzo di acquisto. La relatrice Olga Sehnalová ci tiene a ricordare come “la riduzione degli incidenti stradali e delle sue vittime sia una priorità per il Parlamento Europeo”

Come funziona. In caso di incidente grave il dispositivo effettua automaticamente una chiamata d'emergenza al numero 112, le informazioni trasmesse permettono di conoscere immediatamente l'operazione di salvataggio necessaria, l’esatta localizzazione dell’incidente, favorendo i soccorritori nel raggiungere il luogo nel più breve tempo possibile,  con le giuste attrezzature e il personale idoneo alla situazione.

Saremo nell’occhio del grande fratello? I deputati hanno blindato il progetto legislativo sulla protezione dei dati affinché il sistema di bordo eCall non sia tracciabile prima dell'avvenuto incidente. Le stesure del progetto approvate prevedono che la chiamata automatica al 112 fornisca ai servizi di emergenza solo le informazioni minime e utili ed opportune, il tipo di veicolo, il combustibile utilizzato, il momento dell'incidente, la posizione esatta e il numero di passeggeri. Le norme stabiliscono che i dati eCall raccolti dai centri di emergenza o dai loro partner non debbano essere trasferiti a terzi senza il consenso esplicito della persona interessata. I produttori dovranno anche garantire che la progettazione della tecnologia eCall permetta la cancellazione totale e permanente dei dati raccolti.

 

Tutti gli autoveicoli che saranno commercializzati a partire dal 31 marzo 2018 dovranno montare obbligatoriamente il dispositivo eCall. Tale strumento dovrà essere installato su tutte le nuove vetture a cura e spese della casa madre. Nel 2014 sono state  approvate le norme, entrate in vigore a giugno, che disciplinano le infrastrutture che gli Stati membri devono prevedere entro il 1° ottobre 2017 per l'elaborazione e la ricezione delle chiamate eCall.

Queste nuove norme stabiliscono invece gli obblighi per i produttori di automobili.

Non è remota la possibilità che i dispositivi e Call possano essere obbligatori anche per altre categorie di veicoli, autobus, pullman o camion, infatti i deputati hanno inserito l'obbligo della Commissione di valutare, nei tre anni successivi alla primavera 2018, l'eventuale estensione dei dispositivi eCall.

Fonte: Ansa

 
Le Rubriche di Radiopal

Seguici su Facebook

 

Seguici su Twitter

... i più letti

Scarica l'app

Entellano

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Privacy e Termini di Utilizzo

 

RADIOPAL