Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti: cliccando OK, proseguendo nella navigazione o interagendo con la pagina acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa

Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Czech Danish Dutch English French German Greek Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Turkish Ukrainian

Caseificio Passalacqua

Il tuo aiuto può salvare una vita?

Viviamo in un mondo fatto di egoismi e cinismo, pervaso da approfittatori e truffaldini che quotidianamente occupano le pagine degli organi di informazione. Purtroppo questo lascia poco spazio a notizie che non fanno audience. Ma quando fatti come quello che mi appresto a raccontare si verificano non si può far finta di niente.

Quando accadono delle cose spiacevoli agli altri si pensa sempre che a noi non possano accadere, ma purtroppo quello che abbiamo imparato è che TUTTO PUO’ ACCADERE! Come la storia di Rossella Madonia, protagonista, suo malgrado, di una vicenda molto dolorosa e toccante. La storia che potrebbe essere di chiunque: un vaccino antinfluenzale, assunto nel novembre del 2010, che devasta la vita di una giovane studentessa di fisica e caccia nel baratro e nella disperazione una intera famiglia. Rossella, la cui storia vi invitiamo a leggere nel documento allegato, da oltre cinque anni ha sviluppato una serie di allergie alimentari, respiratorie e da contatto. Nessuno dei centri più all’avanguardia e specializzati è riuscito a dare risposte concrete alla patologia di Rossella, che è arrivata a perdere fino a 20 kg. di peso. In tutti questi anni le cose si sono complicate con l’insorgenza di altre patologie che costringono Rossella a vivere segregata in una stanza appositamente predisposta. La sua vita è attaccata ad un filo, una flebile speranza è ancora possibile per Rossella. Il ricovero all’ ENVIRONMENTAL HEACTH CENTER di Dallas in Texas, pare sia l’unico centro al mondo specializzato dove la speranza di riavere una vita rimane l’ultima chance. Ma cosa comporta tutto questo? Quanto costa? La famiglia di Rossella, che da anni lotta, ricerca soluzioni e affronta innumerevoli viaggi della speranza non è in grado di farcela. Ed ecco che si interpella chi nella Sanità ha la responsabilità di tutelare la salute dei cittadini così come prevede la nostra Costituzione, ma purtroppo la risposta dell’amministrazione sanitaria è negativa. In un Paese dove gli sprechi e le spese inutili sono sotto gli occhi di tutti è tollerabile che manchi la modalità di intervento per un caso di vita o di morte? E’ tollerabile che il diritto alla speranza di vivere possa essere affrontato da una burocratica commissione che per un diniego si appella a norme, cavilli e divieti? Senza nessun riferimento all’umana pietà? Non possiamo tollerarlo, nel frattempo le speranze di vita di Rossella sono sempre più ridotte al lumicino.

Ecco il perché di questo appello, denunciare e sensibilizzare. Inoltre è necessario il tuo aiuto per ridare una speranza di vita a Rossella, una ragazza di 34 anni che potrebbe essere nostra sorella, nostra figlia, nostra nipote, nostra amica, perché Rossella siamo tutti noi. Basta un piccolo contributo, un piccolo gesto per ridare speranza di vita. Noi tutti possiamo fare la nostra parte. Per saperne di più e conoscere la storia di Rossella leggi la scheda che troverai allegata. Inoltre per saperne di più su cosa e come fare clicca su: https://www.facebook.com/groups/1561456367441121/?pnref=story

Grazie per quello che potrai fare e farai fare per aiutare Rossella a vivere una nuova vita.

Robin Hood, dalla parte dei deboli.

 
Le Rubriche di Radiopal

Seguici su Facebook

 

Seguici su Twitter

... i più letti

Scarica l'app

Entellano

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Privacy e Termini di Utilizzo

 

RADIOPAL