Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti: cliccando OK, proseguendo nella navigazione o interagendo con la pagina acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa

Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Czech Danish Dutch English French German Greek Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Turkish Ukrainian

Caseificio Passalacqua

Salute. Scoperta causa di proliferazione dell’invecchiamento

Team di scienziati americani coordinati da un italiano individuano la proteina che agisce sul processo di invecchiamento. Importanti implicazioni anche nel campo delle neoplasie.

Tzap, la proteina appena scoperta dal team di ricercatori dello Scripps Research Institute di La Jolla, coordinati dall'italiano Eros Lazzerini Denchi, professore associato e responsabile del Lazzerini Denchi Lab, legandosi alle estremità dei cromosomi determina la lunghezza dei telomeri, i segmenti del Dna che proteggono queste parti finali. Sono proprio i telomeri a influenzare la lunghezza di vita delle cellule.
Lo studio, apparso su 'Science', apre nuove scenari anche nel campo delle incidenze tumorali.
"I telomeri rappresentano l'orologio della cellula - spiega Lazzerini Denchi - Nasci con i telomeri di una certa lunghezza e, ogni volta che la cellula si divide, si accorciano un po'. Quando diventano troppo corti, la cellula non può più dividersi – spiega il professore -. Questo orologio cellulare deve essere finemente regolato per permettere un numero sufficiente di divisioni cellulari tali da garantire lo sviluppo dei diversi tessuti dell'organismo". Il che può essere applicato anche alla divisione delle cellule tumorali, come spiega l’autore dello studio. A far sì che i telomeri non diventino troppo lunghi è dunque un compito della proteina Tzap, come spiega Julia Su Zhou Li, studentessa del laboratorio di Lazzerini Denchi e prima autrice dello studio: "Ciò permette alle cellule di proliferare, ma non troppo''. Su questo i ricercatori basano le domande per il futuro, partendo dal dato che "E' una proteina complessa, che si localizza specificamente alla fine dei cromosomi", come spiega Su Zhou si può evitare che si scatenino i meccanismi che innescano la proliferazione tumorale.

 
Le Rubriche di Radiopal

Seguici su Facebook

 

Seguici su Twitter

... i più letti

Scarica l'app

Entellano

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Privacy e Termini di Utilizzo

 

RADIOPAL